ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Bocciata la proposta di un santuario delle balene nell'Atlantico


mondo

Bocciata la proposta di un santuario delle balene nell'Atlantico

Nessun santuario per le balene. La proposta, presentata alla 66ª riunone della Commissione Baleniera Internazionale svoltasi a Portorož, in Slovenia, mirava a creare nell’Oceano Atlantico meridionale un luogo in cui i cetacei potessero essere al sicuro. Ma i tre principali cacciatori di balene, Giappone, Norvegia e Islanda, hanno detto no.

Al loro fianco si sono schierati Paesi africani, asiatici e piccole isole.
Per essere adottato il documento, presentato da Argentina, Brasile, Gabon, Africa del Sud e Uruguay, avrebbe dovuto raccogliere una maggioranza pari al 75% degli aventi diritto al voto. I sì raccolti sono stati invece 38 su 64.

A rischio di estinzione

Nel XX secolo le balene stavano per estinguersi. Tra il 1900 e il 1999 sono stati uccisi circa tre milioni di esemplari di questi mammiferi. Tra le diverse specie, quelle ad essere più cacciate erano le balenottere, i capidogli e le megattere. Il numero di alcune di loro è tornato a crescere grazie alla moratoria sulla caccia entrata in vigore 30 anni fa. Moratoria che Norvegia e Giappone non hanno mai rispettato, sfidando apertamente l’opinione pubblica mondiale. Tokyo sostiene da sempre che la caccia alle balene abbia solo scopi scientifici, ma solo pochi credono a questa versione. I giapponesi sembrano essere interessati soprattutto alla carne e al grasso delle balene, più che alla ricerca.

I paradisi dei cetacei

L’idea dei Paesi che fanno del semplice avvistamento turistico dei caetacei un’importante fonte di reddito, era di creare un vero e proprio santuario: 20 chilometri quadrati per promuovere la biodiversità e garantire la protezione non solo delle balene ma anche di tutte le altre specie marine che vivono nella zona. Attualmente nel mondo esistono già due zone simili: una nell’Oceano Indiano, l’altra nell’Oceano Antartico, dove caccia il Giappone. Il progetto era già respinto nel 2012 e nel 2014.

Un ‘gioiello’ nel Tirreno

Nella tutela delle balene, l’Italia fa la propria parte. Nel 1991 la Repubblica ha istituito il Santuario Pelagos per i mammiferi marini. Otto anni dopo, con il contributo scientifico dell’ Istituto Tethys, Francia e Principato di Monaco hanno aderito al progetto. Attualmente l’area naturale marina protetta di interesse internazionale si estende su circa 87.500 km².

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Hong Kong: al via il processo contro Rurik Jutting. L'ex banchiere britannico è accusato di duplice omicidio