ULTIM'ORA

"Allarme chimico" rientrato al London City Airport

Lo scalo londinese è stato riaperto dopo l'evacuazione di 500 persone. Circa 26 passeggeri hanno ricevuto assistenza medica per difficoltà respiratorie.

Lettura in corso:

"Allarme chimico" rientrato al London City Airport

Dimensioni di testo Aa Aa

Allarme rientrato al London City Airport, lo scalo nella zona ad est di Londra dopo che era stato evacuato intorno alle 16 per un “allarme chimico”. Circa 26 passeggeri in attesa di decollare sono stati sottoposti a cure mediche a causa di difficoltà respiratorie e continui attacchi di tosse. Di questi 2 sono stati portati in ospedale. 500 persone in tutto, incluso il personale,sono state allontanate dalla struttura e radunate all’aperto.

L’aereoporto, il più piccolo dei cinque principali scali della capitale inglese, è stato progettato agli inizi degli anni ’80 per servire il distretto finanziario della città.

I vigili del fuoco dopo i controlli hanno riaperto l’edificio, definendolo sicuro. All’interno non sono stati rilevati livelli significativi di sostanze tossiche. Rimane sconosciuta al momento la causa dell’incidente.