ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siete pronti a smettere di guidare?


Sci-tech

Siete pronti a smettere di guidare?

In partnership con

Il futuro della guida autonoma è stato uno dei tempi portanti dell’edizione di quest’anno del Motor Show di Parigi. Mentre alcuni dei principali produttori come Ford, Mercedes, Bmw e Volvo stanno compiendo test di guida autonoma in ambienti controllati, alcune compagnie come Tesla hanno già nella loro gamma auto con alcune funzioni di guida autonoma (ma che hanno già registrato alcuni incidenti per errori del pilota automatico).
La totale autonomia, necessaria in un ambiente cittadino, è ancora lontana anni, se non decenni.

Ce ne parla Jim holder, direttore editoriale della rivista Autocar: “La tecnologia self-driving è in netto avanzamento. L’anno prossimo cominceremo a vederla applicata ad auto in vendita dove sarà possibile lasciare il volante per più di 30 secondi e l’auto guiderà autonomamente in autostrada, ad esempio. E i passi avanti sono continui. Si pensa che col passare degli anni i guidatori potranno affidarsi alla guida automatica per un numero sempre maggiore di funzioni. Forse tra 15 anni ci sarà la possibilità di sedersi dietro e lasciare che l’auto faccia tutto da sola”.

Ma la gente sarà davvero contenta di pagare degli extra per un’auto super veloce senza avere la possibilità di schiacciare l’acceleratore?

Jim Holder risponde così:
“Questa tecnologia sta arrivando. Ma c‘è un dibatto aperto tra i produttori di auto su quanto controllo la gente sia disposta a lasciare alla macchina. Quante cose dovrebbe fare l’auto e quante il guidatore. C‘è anche una questione legislativa aperta su a chi attribuire la colpa in caso di incidente. Ma c‘è anche uan discussione in corso su una questione fondamentale: un’auto rimane un’auto se le dai tutto il controllo?”.

Le aziende produttrici hanno mostrato al pubblico i loro prototipi di tecnologia di guida autonoma. Ma il pubblico è davvero pronto a smettere di guidare?

Cosa ne pensa la gente per le strade di Parigi ?

Un 32enne che viene da Amsterdam sembra molto propenso all’idea di un’auto che si guida da sola: “E’ l’evoluzione. Perchè dovrei concentrarmi sulla strada mentre vado in ufficio se posso leggere il giornale o un libro o fare un pisolino mentre la macchina mi porta a casa? Penso sia fantastico”.
Scettico invece un trentenne francese: “Oggi come oggi non mi fido di questi veicoli. Sta a loro adesso provare che è una cosa possibile nei prossimi anni. Per ora preferisco guidare io”.
Le auto con guida autonoma arriveranno sulla strada prima di quanto pensiate. A Singapore, ad esempio,sono già operativi i primi taxi che si guidano da soli.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Sci-tech

L'abito anti-smog