ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa 2016. Tre donne accusano Trump di molestie e palpeggiamenti

Donald Trump minaccia di querelare il New York Times dopo la pubblicazione di nuove testimonianze di donne che hanno subito abusi da parte del miliardario.

Lettura in corso:

Usa 2016. Tre donne accusano Trump di molestie e palpeggiamenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Donald Trump minaccia di querelare il New York Times dopo la pubblicazione di nuove testimonianze di donne che hanno subito abusi da parte del miliardario.

In un comunicato emesso dalla direzione della campagna elettorale del candidato repubblicano l’articolo della testata viene definito come “pura invenzione” e declassato a tentativo d’affossare la sua corsa alla Casa Bianca.

Le testimonianze riportate dal New York Times sono tuttavia estremamente dettagliate. Il primo caso, che risale agli anni Settanta, è quello di una donna, Jessica Leed, oggi 74 anni, che sarebbe stata palpeggiata da Donald Trump nella prima classe di un volo per New York.

Nel 2005 poi è Rachel Crooks, allora ventiduenne, che subisce le molestie di Trump mentre attendono assieme l’ascensore all’interno del grattacielo che porta il suo nome.

Dopo la pubblicazione dell’articolo spunta poi la terza testimonianza di una donna della Florida, Mindy McGillivray, che accusa Trump di aver allungato le mani durante il suo soggiorno nel resort di proprietà del tycoon vicino a Palm Beach.

Stando a quanto affermano le protagoniste, le testimonianze riportano fatti per i quali non è mai stata sporta alcuna denuncia ma che sono stati raccontati a familiari e persone di fiducia. La decisione di uscire allo scoperto solo ora, a distanza di anni e di decenni, viene spiegata con la rabbia provata ascoltando il secondo dibattito televisivo nel quale Trump ha negato che le “chiacchiere da spogliatoio” dell’ormai famoso video del 2005 avessero alcun fondamento.

Secondo gli ultimi sondaggi Hillary Clinton ha un vantaggio di circa 8 punti percentuali su Trump, impegnato tra l’altro ad affrontare la rivolta contro di lui all’interno dello stesso partito repubblicano.