ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia: muore il re Bhumibol Adulyadej

Bhumibol Adulyadej, conosciuto con il nome di Rama IX, è stato il monarca che ha regnato più a lungo nella storia della Tahailandia e uno dei sovrani più longevi al…

Lettura in corso:

Thailandia: muore il re Bhumibol Adulyadej

Dimensioni di testo Aa Aa

Bhumibol Adulyadej, conosciuto con il nome di Rama IX, è stato il monarca che ha regnato più a lungo nella storia della Tahailandia e uno dei sovrani più longevi al mondo. Il suo nome significa “Forza della Terra, incomparabile potere”. Per molti ha simboleggiato la continuità in un paese segnato, negli ultimi anni, da una serie di sconvolgimenti politici. Il sovrano, asceso al trono il 9 giugno 1946 é stato incoronato re il 5 maggio 1950, nel Grande Palazzo Reale di Bangkok. In quell’occasione promise pubblicamente di voler “regnare in modo virtuoso per il bene e la felicità del popolo”. Nel 2016 i thailandesi, hanno festaggiato i 70 anni del suo regno. Bhumibol Adulyadej è nato il 5 dicembre 1927 a Cambridge nel Massachussets. Il padre morì quando il re era ancora bambino e la madre decise che la famiglia doveva restare in occidente, proteggendola così dalla crisi politica in corso in patria. Il fratello più grande morì colpito da un proiettile alla testa, in circostanze ancora non chiarite subito dopo la sua salita al trono. Con la Rivoluzione del 1932, finiva la monarchia assoluta in Thailandia e iniziava quella costituzionale. I diversi colpi di stato e i prolungati periodi di legge marziale indebolirono il sistema parlamentare, ormai sotto il controllo dei diversi regimi che si succedettero. Il magnate delle telecomunicazioni Thaksin Shinawatra, ha avuto un grande ruolo nella politica nazionale. La sua carriera politica ebbe fine il 19 settembre 2006 con il colpo di Stato militare che aprì una situazione di forte instabilità.Con le elezioni del 2007, ebbe fine la dittatura militare, anche se l’avvento del Partito Democratico, l’anno successivo, riportò al governo una coalizione di partiti vicini alle forze armate. Nel 2010, i sostenitori di Thaksin, le “Camicie Rosse”, scesero in piazza, dando vita ai mesi più turbolenti e violenti vissuti dal paese.Nelle dimostrazioni della primavera 2010 si registrarono infatti 88 morti e circa 2.000 feriti tra i manifestanti. Nel corso del 2014 , il colpo di stato per estromettere definitivamente Thaksin e sua sorella Yingluck ha aperto una fase di grande incertezza politica per il paese. Il golpe ha consegnato il potere nelle mani del generale Prayut Chan-ocha, con il consenso dello stesso re Bhumibol. Nella complessa situazione politica del paese, quello del re è stato un ruolo fondamentale per la sua carica unificatrice e la sua importanza sulla scena internazionale, come dimostrato dall’incontro con il Presidente americano Barack Obama nel 2012, a testimonianza della storica alleanza con gli Stati Uniti. Rama IX è stato un re molto amato dai thailandesi, e la questione della sua salute è sempre stato oggetto di interesse pubblico, non solo per i frequenti ricoveri, ma anche per l’incertezza che riguarda la successione al trono. Secondo la tradizione a prendere il suo posto dovrebbe essere il figlio, il principe Vajiralongkorn, che però non gode della stessa ammirazione del padre e per questo, non viene considerato suo degno successore.