ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'Ucraina ricorda il massacro nazista degli ebrei a Babi Yar, 75 anni dopo


Ucraina

L'Ucraina ricorda il massacro nazista degli ebrei a Babi Yar, 75 anni dopo

L’Ucraina ricorda il 75esimo anniversario del massacro di Babi Yar, una delle pagine più sanguinose della Seconda guerra mondiale. Oltre 34.000 ebrei furono uccisi dai nazisti tra il 29 e il 30 settembre del 1941. Prima della cerimonia; una dichiarazione di intenti è stata firmata dal rabbino capo di Kiev, Yaakov Dov Bleich, per la costruzione del primo Memorial Center dedicato alle vittime che sarà pronto nel 2021.

“La tragedia del Babi Yar è un campanello d’allarme per l’intera umanità. Chiunque calpesti i diritti umani e le libertà, rappresenta una minaccia per il mondo intero”, ha detto il presidente ucraino Petro Poroshenko.

Negli anni successivi al 1941, a Babi Yar furono uccise circa centomila persone, soprattutto ebrei.
I corpi furono bruciati e le ceneri disperse dai nazisti e dai loro collaboratori ucraini nel novembre 1943 quando Kiev stava per essere liberata dall’Armata Rossa.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Disastro ferroviario vicino a New York, almeno un morto e decine di feriti