ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bando alle emissioni, il domani è elettrico. A Parigi il restyling di VW

Il responsabile del servizio marketing ci presenta la nuova ID: "Autonomia di 600 km al prezzo di una Golf".

Lettura in corso:

Bando alle emissioni, il domani è elettrico. A Parigi il restyling di VW

Dimensioni di testo Aa Aa

City-car, SUV compatti, ma soprattutto auto elettriche. Assenti numerosi big, che gli hanno preferito quello di Ginevra a marzo, il Salone di Parigi accende i riflettori sui modelli ecologici.

Point of view

Saremo i primi a vendere un milione di auto elettriche all'anno, al più tardi nel 2025

Jürgen Stackman Responsabile vendite e marketing di Volkswagen

In questo Tweet dell’organizzazione, il link che rimanda a tutti i video delle conferenze stempa.

Un trend in vigore da anni, a cui lo scandalo emissioni di Volkswagen regala però rinnovate urgenza e attualità. Tutti motivi che trasformano questo salone in passerella ideale, che la casa di Wolfsburg ha intenzione di sfruttare per ridare lustro alla propria immagine. Biglietto da visita del suo nuovo volto pulito, la “ID”, prototipo di auto-elettrica dall’autonomia record tra i 400 e i 600 chilometri, con cui il patron Mathias Müller promette di invadere il mercato a partire dal 2020.

Un anno dopo lo scandalo emissioni, delle sue conseguenze parliamo con il responsabile del dipartimento Vendite e marketing di Volkswagen, dal Salone dell’auto di Parigi, Jürgen Stackmann.

Il dopo-emissioni in Stati Uniti e in Europa: “Ci sono differenze, ma sono dettate da quelle del quadro legale”

Anne Glemarec, euronews
“Ai clienti di Volkswagen le cui auto erano equipaggiate del software ‘trucca-emissioni’, negli Stati Uniti sono stati offerti rimborsi fino a 10.000$. Volkswagen si rifiuta però di offrire simili compensazioni qui in Europa. Perché?”.

Jürgen Stackmann, Responsabile del servizio vendite e marketing di Volkswagen

“Ai nostri clienti stiamo riservando lo stesso trattamento in tutto il mondo. Proviamo a offrir loro aggiornamenti del software e soluzioni tecniche per la messa a punto dell’auto ovunque si trovino al mondo. A seconda dei paesi, Volkswagen opera tuttavia in quadri giuridici differenti e quindi, sul piano legale, le soluzioni di cui possiamo beneficiare non sono le stesse. È per questo che quanto proposto negli Stati Uniti è leggermente diverso. Per l’Europa, la buona notizia è però che abbiamo trovato una soluzione tecnica per 5,6 milioni di auto: i proprietari saranno chiamati per una sostituzione del software. Gli sforzi profusi con le autorità si sono insomma rivelati fruttuosi”.

euronews
“La Commissione Europea insiste però per un trattamento analogo a quello riservato ai clienti statunitensi. Con Bruxelles state trattando?”.

Jürgen Stackmann
“Capisco le ragioni di una simile posizione, ma le auto richiamate non vengono rimborsate, vengono riparate. Rimediamo cioè alle irregolarità come ci è stato ordinato di fare. E come stiamo facendo con i software”.

“Totalmente elettrica, ma al prezzo di una Golf. E con un’autonomia di 600 km”. La nuova ID secondo Volkswagen

euronews
“A giugno, l’amministratore delegato di Volkswagen, Matthias Müller, ha annunciato enormi investimenti nelle auto elettriche e in quelle a guida autonoma. I primi modelli quando usciranno? E quali sono i vostri obiettivi di vendita?”.

Jürgen Stackmann
“È un’epoca di affascinanti cambiamenti e transizioni per il marchio Volkswagen. La nostra azienda si è impegnata con grande anticipo – e grande dedizione – a investire in piattaforme per auto integralmente elettriche. Auto che rinuncino del tutto a un motore a combustione e con un’autonomia fra i quattrocento e i seicento chilometri, molto simile a quella delle auto tradizionali. L’obiettivo è un lancio sul mercato fra tre anni e mezzo, nel 2020, a un prezzo pari a quello di una Golf Diesel, dotata di vari optional. Crediamo che Volkswagen sarà la prima azienda a vendere un milione di auto elettriche all’anno, al più tardi nel 2025”.

“L’auto elettrica non ucciderà motorizzazioni diesel e benzina

euronews
“Non secondariamente, quale sarà l’impatto per le auto diesel? Avranno ancora un futuro?”.

Jürgen Stackmann

“Ci muoveremo anche sul fronte delle motorizzazioni diesel e benzina e continueremo a investire in auto pulite, sia diesel che benzina. Il nostro dovere è non solo rendere queste tecnologie le più pulite e le più adeguate possibile alle esigenze di domani, ma anche concentrarci sulla mobilità elettrica. E questo, in tutti i paesi e tutte le aree del Pianeta, in cui quest’ultima sia praticabile sul piano delle infrastrutture”.