ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

YSL: brilla la stella di Vaccarello

Lettura in corso:

YSL: brilla la stella di Vaccarello

Dimensioni di testo Aa Aa

Yves Saint Laurent voleva svecchiarsi, per così dire.

Yves Saint Laurent voleva svecchiarsi, per così dire. Per farlo, nella settimana della moda di Parigi, la maison si è affidata al creativo italo-belga Anthony Vaccarello.

Vaccarello doveva sostituire Hedi Slimane che ha trasformato questo in un marchio che oggi vale quasi un miliardo di euro. Un compito da far tremare vene e polsi.

Eppure Vaccarello sembra avercela fatta, passando l’esame.

In passerella vanno i tagli, pelle nera, pelle nuda e tacchi a spillo. Tutto adattato al codice Saint Laurent. Questo vuol dire nude look, smoking maschile, gli abiti con le spalle gigantesche.

Nel finale dévoré leopardati e mix di pizzi a intarsio per chiudere con energia. Tacchi a spillo vertiginosi e Swarovski scintillanti riportano alla luce il simbolo della casa.

Una collezione all’insegna del galmour che un po’ cozza con un Vaccarello che fa un rapido saluto prima di scomparire dove più gli piace: dietro le quinte a creare. Perché, per lui, il centro di una sfilata non è il creativo. È la donna.