ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le Farc e il governo colombiano hanno firmato l'accordo di pace

La fine di una tra le più lunghe guerre civili della storia contemporanea.

Lettura in corso:

Le Farc e il governo colombiano hanno firmato l'accordo di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

La fine di una tra le più lunghe guerre civili della storia contemporanea. Il capo delle Farc, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, e il Presidente Juan Manuel Santos hanno firmato a Cartagena l’accordo di pace che mette fine a mezzo secolo di conflitto.

via GIPHY

Migliaia le persone presenti per la storica cerimonia nella città della costa settentrionale del Paese. L’accordo di pace tra governo e Farc è frutto dei lunghi negoziati condotti tra le parti a L’Avana, Cuba.

Il Capo dello Stato colombiano Juan Manuel Santos: “Quello che abbiamo firmato oggi è qualcosa di più di un semplice accordo tra un governo e una guerriglia per porre fine a un conflitto armato” ha detto Santos. “Quello che abbiamo firmato oggi è una dichiarazione del popolo colombiano di fronte al mondo per dire che ci siamo stancati della guerra, che non accettiamo la violenza come mezzo per difendere le proprie idee, che diciamo forte e chiaro basta guerra, basta alla guerra”.

Inviato agli archivi per la storia il nome di battaglia Timoshenko, il leader delle Farc Rodrigo Londoño ha chiesto perdono alle vittime del conflitto: “Nel nome delle Farc chiedo sinceramente perdono a tutte le vittime del conflitto per tutto il dolore che abbiano causato con questa guerra” ha detto Londoño. Poi è stato colto di sorpresa dal rumore dei caccia dell’aviazione colombiana che hanno solcato i cieli di Cartagena per celebrare la giornata della pace.

“Per una volta sono venuti a celebrare la pace e non a sganciare bombe” ha commentato Londoño.

Alla cerimonia di oggi dovrà seguire la conferma del popolo colombiano chiamato il 2 ottobre a convalidare per via referendaria l’accordo che trasforma le Farc da guerriglia armata in gruppo politico. La firma del testo è stata apposta con una penna ottenuta dal bossolo di un proiettile.