ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria. A due settimane dal voto sull'immigrazione, flash mob contro Orban

Un anno fa la costruzione della barriera anti-immigrati in Ungheria.

Lettura in corso:

Ungheria. A due settimane dal voto sull'immigrazione, flash mob contro Orban

Dimensioni di testo Aa Aa

Un anno fa la costruzione della barriera anti-immigrati in Ungheria. Le Ong impegnate sul fronte degli aiuti umanitari hanno organizzato un flash mob davanti alla stazione Keleti di Budapest, epicentro della crisi migratoria nel 2015.

allviews Created with Sketch. Point of view

"Il governo usa l'immigrazione in modo spregevole, per farsi propaganda"

Aliz Pocsuvalszki Attivista dell'Ong MigSzol

Aliz Pocsuvalszki è una delle attiviste di MigSzol :

Il governo usa il tema dell’immigrazione in modo spregevole, per farsi propaganda e per catturare elettori, anche se ultimamente sempre meno richiedenti asilo possono entrare nel paese.

Filo spinato contro le quote europee

All’inizio del 2015 la cosiddetta pista balcanica era aperta e l’Ungheria si trovava sulla rotta dei disperati verso la Germania e il nord-Europa.

Poi il governo di Viktor Orban è stato fra i primi a bloccare il passaggio e a rifiutare il piano europeo di ripartizione, fra i vari paesi dell’Unione, dei 160mila profughi giunti, principalmente, in Grecia e Italia.

Bruxelles aveva proposto all’Ungheria di accogliere circa 2300 rifugiati, ma il premier magiaro si è opposto alla cosiddetta ‘politica delle quote’ e, per mostrare l’appoggio dell’opinione pubblica, ha indetto un referendum, per il prossimo 2 ottobre.

Ecco la domanda che verrà posta ai cittadini: ‘Volete che l’Unione europea, anche senza consultare il Parlamento ungherese, prescriva l’immigrazione in Ungheria di persone che non sono cittadini ungheresi?’

La nostra corrispondente da Budapest Andrea Hajagos :

A circa 2 settimane dal voto quasi tutti i sondaggi mostrano che c‘è ancora incertezza sul raggiungimento del quorum che garantirebbe la validità della consultazione. Ma una cosa è certa: la maggior parte delle persone che voteranno voteranno No, come chiede il governo.

Budapest è spalleggiata anche da Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia.