ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria: la tregua regge, il primo obiettivo è l'accesso di aiuti umanitari

mondo

Siria: la tregua regge, il primo obiettivo è l'accesso di aiuti umanitari

Pubblicità

La situazione sembra calma ad Aleppo dove non ci sono stati lanci di razzi dei ribelli né raid aerei delle forze di Assad. Sembra reggere in Siria il cessate-il-fuoco entrato in vigore lunedì sera e che non riguarda le operazioni contro l’Isil. La tregua è stata negoziata dalla Russia e dagli Stati Uniti e approvata dal governo di Damasco e dai gruppi ribelli, ad eccezione dell’Esercito libero siriano, uno dei principali gruppi dell’opposizione militare, che resta scettico. Non è stata registrata nessuna vittima dall’Osservatorio siriano per i diritti umani. È il secondo tentativo del 2016 di mettere fine a cinque anni di conflitto. Il primo obiettivo è l’accesso di aiuti umanitari

“La prova più critica di questo piano sarà la sua capacità di fare la differenza nella vita reale delle persone. Il primo ordine del giorno per i fautori dell’accordo dovrebbe essere quello di agire immediatamente per permettere l’accesso umanitario nelle zone assediate e piu difficili da raggiungere”, ha dichiarato Jessy Chahine, portavoce dell’inviato Onu in Siria Staffan de Mistura.

Il governo siriano vuole che la Turchia e le agenzie dell’Onu e di altri organismi internazionali concordino preventivamente gli aiuti e si coordinino con le autorità di Damasco, altrimenti l’accesso sarà negato. Lo ha riferito l’agenzia ufficiale Sana, che cita un comunicato del ministero degli esteri siriano.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo