ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Afghanistan: la sopravvivenza del leopardo delle nevi

Sci-tech

Afghanistan: la sopravvivenza del leopardo delle nevi

In partnership con

Spunta qualche immagine del leopardo delle nevi nel distretto di Wakhan in Afghanistan dove si stima sopravvivano un centinaio di questi splendidi felini.

A causa della perdita dell’habitat, del bracconaggio e dei conflitti con le comunità la sopravvivenza di questi animali è appesa a un filo anche in tutto l’Himalaya. Eppure grazie a uno sforzo di conservazione l’Afghanistan sta tutelando questa ridotta colonia animale.

In effetti negli ultimi 3 anni non ci sono piu’ stati casi di ovini aggrediti nei recinti da predatori selvatici.

I leopardi delle nevi sono rientrati nei programmi di tutela della
Wildlife Conservation Society (WCS), fin dal 2009, quando i pastori sono stati dotati di recinti chiusi per il bestiame.
Inoltre dal 2002 la caccia al leopardo è stata messa al bando.

Anche le popolazioni locali condividono questi sforzi di coservazione e questo nonostante ci si trovi in alcune delle regioni fra le piu’ povere del pianeta.

Studiosi afghani e stranieri sono venuti per mesi a esaminare il fenomeno della Sarkand Valley, monitorando l’area anche grazie alla videosorveglianza. Sono state raccolte 5000 immagini individuali di esemplari e 4 leopardi sono stati catturati per poi essere rilasciati con collare GPS.

I risultati di questa iniziativa danno speranza alla ripresa del turismo in una delle zone piu’ povere e isolate del pianeta in cui il leopardo delle nevi è un’attrazione di primo livello.

La povertà e l’isolamento di questa regione dipende non solo da decenni di guerra. Intanto fino ad oggi sono circa 100 i visitatori che raggiungono il parco di Wakhan ogni anno.

Prossimo Articolo

Sci-tech