ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria, nuova ondata d'attentati, decine i morti. Diplomazia internazionale in stallo

mondo

Siria, nuova ondata d'attentati, decine i morti. Diplomazia internazionale in stallo

Pubblicità

La Siria colpita da una nuova ondata d’attentati mentre la diplomazia internazionale resta incapace d’intraprendere misure risolutive.

Almeno 48 i morti nella giornata di lunedì. L’attacco più grave è stato messo a punto a Tartous, città costiera roccaforte del regime di Bashar Al-Assad, dove le vittime di un’autobomba e di un kamikaze sono state almeno 35.

Altre esplosioni si sono verificate ad Hassakeh, nel Nord-Est del Paese, a Homs e nella capitale Damasco. La strategia dell’autoproclamato Stato Islamico punta ormai sistematicamente a colpire le aree sotto il controllo delle forze filo-governative o in mano alle forze curde siriane.

Una situazione di fronte alla quale la diplomazia internazionale ha dimostrato ancora una volta l’incapacità di uscire dall’impasse. Il G20 in Cina è stato l’occasione per una discussione tra Barack Obama e Vladimir Putin. Gli Stati Uniti e la Russia, per la prima volta dall’Afghanistan degli anni Ottanta, si affrontano indirettamente sul terreno in Siria. Nessun accordo è stato raggiunto per la cessazione delle ostilità nonostante le reciproche dichiarazioni sulla volontà d’arrivare in tempi brevi ad un’intesa di collaborazione.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo