ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Venezuela: manifestazione-fiume dell'opposizione, Maduro denuncia progetto golpista

mondo

Venezuela: manifestazione-fiume dell'opposizione, Maduro denuncia progetto golpista

Pubblicità

Un milione in piazza contro il presidente Nicolas Maduro, secondo gli organizzatori della protesta: erano a malapena cinquemila, secondo Maduro, che ha parlato in una contro-manifestazione.
Difficile verificare le cifre, anche perché gli inviati di molte testate internazionali, da Al Jazeera a Le Monde, sono stati bloccati alla frontiera ed espulsi. Il cartello delle opposizioni l’ha chiamata “la presa di Caracas”, e ha annunciato le due prossime repliche, il 7 e il 14 settembre.

“Oggi inizia la tappa decisiva della nostra battaglia e tutti i Venezuelani che si sono mobilitati vogliono esercitare il loro diritto costituzionale alla protesta pacifica, finché non ci sarà un cambiamento costituzionale, pacifico, democratico”, ha scandito uno dei leader dell’opposizione anti-chavista.

Nella contro-manifestazione governativa, Maduro ha accusato l’opposizione di essere golpista, e ha anche minacciato di togliere l’immunità ai parlamentari, per punire – ha detto – “le loro espressioni fasciste di odio e di promozione della violenza”.

“Abbiamo arrestato dei membri d’alto livello della destra, che volevano un colpo di stato e pianificavano di piazzare bombe, avevano armi e piani per attaccare il loro stesso popolo”, ha aggiunto Maduro.

Ha poi detto che due giorni prima erano stati arrestati 92 paramilitari colombiani, che avevano allestito una base a Caracas per destabilizzare il Paese con la complicità dell’opposizione venezuelana. In precedenza aveva accusato anche la stampa internazionale di essere complice dell’opposizione golpista.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo