ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Venezuela: l'opposizione chiede un referndum su Maduro

mondo

Venezuela: l'opposizione chiede un referndum su Maduro

Pubblicità

In Venezuela il braccio di ferro tra Parlamento e presidente va avanti dall’inizio dell’anno, da quando l’opposizione ha conquistato la maggioranza.

È la prima volta in 16 anni e la minoranza ha intravisto l’occasione per liberarsi del chavista Nicolas Maduro.

Come ha confermato a inizio mandato il presidente del parlamento:

Ottenuto il nullaosta della commissione elettorale, l’opposizione ha lanciato la procedura che dovrebbe portare a un referendum su Maduro dall’esito più che scontato.

Il Paese infatti, complice il prezzo del petrolio in caduta libera, tre anni di recessione e un’inflazione a tre cifre, ne chiede a alta voce le dimissioni.

Le misure economiche e sociali prese da Nicolas Maduro invece di calmare gli animi li hanno ulteriormente esacerbati.
Nel Paese non solo mancano i beni di prima necessità ma sono violate sistematicamente le libertà civili, stando alla denuncia di missioni cattoliche.

Il processo per convocare un referendum sul presidente è lungo e complesso.

Il primo passo prevede la raccolta di 195 mila firme, pari all’1% degli aventi diritto di voto. Nel giugno scorso la Commissione elettorale nazionale convalidava oltre 1 milione di voti.

Di fronte allo scenario implacabile di un Paese in ginocchio e letteralmente alla fame, il presidente si è fatto scudo accusando forze interne e esterne al paese e sequestrando le fabbriche.

L’ opposizione non si è lasciata intimorire.

Il primo agosto la commissione elettorale ha convalidato oltre 300 mila firme, più di quelle necessarie per passare alla terza e ultima fase.

Che, come annunciato recentemente dalla commissione stessa, avrà luogo solo alla fine di ottobre.

L’ultimo step del processo prevede la raccolta di 4 milioni di voti, pari al 20% degli aventi diritto al voto in 4 giorni.

Per l’opposizione, è cruciale che la convalida della Commissione elettorale arrivi quanto prima in modo che il referendum si tenga entro il 10 gennaio del 2017 – data anniversario dell’inizio del mandato di Maduro – solo in questo modo una vittoria del ‘sì porterebbe alla rimozione dell’intero governo e a elezioni nazionali.

Se il referendum si terrà dopo il 10 gennaio, anche in caso di vittoria del sì, Maduro sarà sostituito dal suo vice, come previsto dalla Costituzione.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo