ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Judo: lo sport per dimenticare la guerra nello Yemen

Sport

Judo: lo sport per dimenticare la guerra nello Yemen

Pubblicità

Questa è la quotidianità nello Yemen, un Paese messo in ginocchio da una guerra, che ha provocato negli ultimi 18 mesi 10000 vittime.

Taiz è una delle città più colpite e qui vive Hesham Al-Hulaibi, un judoka, che ogni giorno deve lottare per la sopravvivenza sua e della sua famiglia. Ma che, allo stesso tempo, non vuole rinunciare alla sua passione. Per questo, quando può, insegna l’arte del judo ad aspiranti atleti, in una palestra improvvisata. Momenti in cui dimentica la guerra, anche se per poco.

“Lo sport mi permette di credere in un futuro”, spiega il judoka. “Non possiamo lavorare, non c‘è lavoro, quindi facciamo sport, l’unico modo per poterci sfogare”.

Da quando è iniziata la guerra, Al-Hulaibi, campione nazionale nel 2003, non ha più potuto viaggare all’estero, per partecipare alle competizioni. Di quelle gare, gli restano solo i ricordi: medaglie, trofei, foto, sparsi nella sua casa.

Oggi Al-Hulaibi si ritrova disoccupato e ogni giorno per lui è una dura lotta, per sopravvivere ai bombardamenti e poter assicurare un pasto a sua moglie e ai suoi due figli.

“Oggigiorno non sai come organizzare il tuo tempo. Devi preparare il pane, portare a casa l’acqua, come puoi trovare anche il tempo di allenarti?”, dichiara lo yemenita.

Al-Hulaibi vorrebbe allenarsi con più regolarità, ma sono pochi i momenti che trova per salire sul tetto della sua casa e praticare sport. E, quando lo fa, lo fa con attrezzi costruiti da lui stesso, con quello che rimane in una città semi distrutta.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo