ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brasile: Rousseff sfida il Senato "élite economica mette a rischio la democrazia"

mondo

Brasile: Rousseff sfida il Senato "élite economica mette a rischio la democrazia"

Pubblicità

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Dilma Rousseff sfida il Senato brasiliano. Di fronte ai parlamentari chiamati a decidere sulla sua destituzione, la Presidente sospesa torna a denunciare il “colpo di stato”.

La Rousseff, accusata di aver truccato il bilancio dello Stato per favorire la sua rielezione,nell’ultimo atto del processo per il suo impeachment usa la sua difesa per attaccare il governo: “Vi chiedo di agire con giustizia nei miei confronti – dice – Sono una presidente onesta che non ha mai commesso alcun atto illegale nella vita personale o nelle funzioni pubbliche. Non accetto il colpo di stato perché invece di risolvere la crisi brasiliana, la renderà ancora peggiore”.

In aula anche il suo mentore politico, l’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva, insieme al celebre compositore Chico Buarque e una decina di ex ministri. La sinistra brasiliana insiste sul dovere di rispettare la volontà espressa da 54 milioni di elettori.

“Oggi, ancora una volta, le persone che hanno votato per me vedono colpite le loro aspirazioni – aggiunge – La nostra democrazia è stata messa a rischio per proteggere gli interessi di un‘élite economica e politica”.

Al suo arrivo al Senato di Brasilia, la Presidente sospesa è stata accolta da centinaia di sostenitori ai quali ha garantito di essere determinata a continuare la sua lotta. Ma in aula ha sottolineato che l’impeachment sarebbe un’ingiusta condanna a morte politica.

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo