ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Lo 'squalo' Phelps: una leggenda che sfida la storia

mondo

Lo 'squalo' Phelps: una leggenda che sfida la storia

Pubblicità

Il piccolo Phelps ha paura dell’acqua

È considerato il più grande nuotatore di tutti i tempi: Michael Fred Phelps nasce il 30 giugno del 1985 a Baltimora, Maryland. Nessuno gli avrebbe predetto un destino simile da bambino. Quando inizia a nuotare, Phelps ha paura dell’acqua.
Eppure è con il nuoto che riesce a controllare il deficit di attenzione e iperattività, sindrome che gli viene diagnosticata una volta alle elementari.

L’incontro con Bob Bowman

Ma già a 10 anni, il suo talento è evidente; a fare la differenza fin da subito è l’incontro con il caoch Bob Bowman, tuttora suo allenatore.

A soli 15 anni si qualifica per le Olimpiadi di Sidney del 2000. Non vincerà alcuna gara, ma sarà la prima e l’ultima volta. Dopo Sidney, Phelps è l’uomo dei record e ha fatto incetta di medaglie e vittorie .

Ha una predilezione per gli ori, ai Giochi olimpici ha collezionato in tutto 26 medaglie di cui ben 22 ori.

Medaglie

Contando tutte le competizioni internazionali a cui ha preso parte, ossia Giochi olimpici, campionati mondiali, mondiali in vasca corta e Giochi PanPacifici, ha ottenuto in totale 81 medaglie: 65 d’oro, 13 d’argento e 3 di bronzo.

Dal 2001 al 2009 ha battuto 39 record del mondo in otto discipline, tra cui i 100 metri, i 200 farfalla, 200 m e 400 m misti, che ancora detiene.

Misure da record

Alto 1.93, la sua apertura di braccia è di oltre 2 metri, ha il 47 di peide e una capacità polmonare doppia rispetto alla media .

Campione e sregolatezza

Nel settembre del 2014 viene fermato e arrestato per guida in stato di ebbrezza, e non è la prima volta: in seguito a questo fatto viene sospeso per sei mesi dalla Federazione nuoto statunitense; cosa gli costa i Mondiali l’anno successivo.
Nel 2009, viene fotografato mentre fuma uno spinello, tre mesi di sospensione.

Il ritiro e il ritorno

Dopo i Giochi del 2012 decide di lasciare l’attività agonistica per poi annunciare il ritorno nell’aprile del 2014:

“Lo faccio per me stesso. E se non mi supererò questo non getterà un’ombra sulla mia carriera, anche se è questo che potrete pensare. Lo faccio perché mi piace, mi piace nuotare e mi diverto”.

Portabandiera per gli Stati Uniti nella cerimonia di apertura dei Giochi di Rio, è un solitario. A maggio ha avuto un figlio, Boomer Robert Phelps, con Nicole Johnson, ex Miss California.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo