ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Venezuela: referendum quest'anno improbabile, opposizione protesta

mondo

Venezuela: referendum quest'anno improbabile, opposizione protesta

Pubblicità

L’opposizione venezuelana convoca una protesta di massa per il primo settembre, dopo l’ultimo intervento del Consiglio Nazionale Elettorale che tende a depotenziare il referendum per la destituzione del presidente Nicolas Maduro. La presidente del Consiglio Elettorale ha fatto alla stampa un’elaborata esposizione, al termine della quale si è limitata a dire che “probabilmente” il processo di raccolta delle firme potrà concludersi solo a fine ottobre, poi occorrerà verificarle tutte, e i tempi tecnici porterebbero al prossimo anno, cosa inaccettabile per l’opposizione:

“Ci sarà un referendum per la destituzione e ci sarà quest’anno, nel 2016, perché è tecnicamente possibile, perché è politicamente pertinente e perché è socialmente indispensabile”, ha detto Jesus Torrealba, segretario del cartello delle opposizioni.

Il tempo è cruciale perché Maduro, che controlla tutti gli organi dello Stato ad eccezione del Parlamento, venendo sfiduciato dai cittadini prima del 10 gennaio dovrebbe essere sostituito da un nuovo presidente eletto, mentre dopo quella data verrebbe solo sostituito dall’attuale vice-presidente, Aristóbulo Istúriz, un fedelissimo nominato pochi mesi fa. Il governo chavista si garantirebbe quindi altri due anni di sopravvivenza.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo