ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Turchia ai ferri corti con l'Europa. La Germania cerca di riaprire il dialogo

mondo

Turchia ai ferri corti con l'Europa. La Germania cerca di riaprire il dialogo

Pubblicità

Il primo leader internazionale a visitare la Turchia dopo il fallito colpo di Stato è il presidente kazako Nursultan Nazarbayev. Per trovare supporto, Recep Tayyip Erdogan ha dovuto rivolgersi a est. Il governo turco infatti è ai ferri corti con l’Europa, che ha denunciato gli arresti di massa seguiti al tentato golpe.

Il presidente degli esteri Mevlut Cavusoglu ha lanciato pesanti accuse: “Invece di sostenere la democrazia i nostri amici europei – e questo è un atteggiamento tipico tra l’altro – hanno voluto farci la lezioncina, e in realtà hanno usato questo tentato colpo di stato, e ciò che ne è seguito, per esprimere i loro veri sentimenti, come l’odio e i sentimenti islamofobi, antiturchi”.

Il suo omologo tedesco, Frank-Walter Steinmeier, ha teso ad Ankara un ramoscello d’ulivo: “Lavorerò per garantire che il dialogo con la Turchia non passi solo attraverso megafoni, microfoni e telecamere. Non c‘è alternativa – anche se è difficile di questi tempi – al ritorno a un dialogo diretto con la Turchia”

Un dialogo non sempre facile nemmeno con i popoli affini, come quello turco-cipriota. Dopo la manifestazione pro-Erdogan di mercoledì, venerdì sono scesi in piazza a Nicosia gli oppositori, che accusano il presidente di voler stravolgere la cultura laica della Turchia.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo