ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Turchia: dall'Italia all'Unione Europea, Erdogan scatenato accusa tutti

mondo

Turchia: dall'Italia all'Unione Europea, Erdogan scatenato accusa tutti

Pubblicità

È ormai un attacco a tutto campo contro nemici esterni quello di Recep Tayyip Erdogan. Il presidente turco ha accusato l’Occidente di sostenere il terrore e i Paesi cosiddetti amici di schierarsi dalla parte di golpisti e terroristi. Erdogan ha anche rinfacciato alle cancellerie occidentali di non aver inviato alcun rappresentante dopo il fallito putsch di alcune settimane fa.

Poi è stata la volta di un attacco a Bruxelles, accusata di non aver ancora trasferito i 3 miliardi di euro per finanziare l’accordo di marzo sui migranti, e di non aver definito una data certa per la liberalizzazione dei visti dei cittadini turchi in visita in Europa.

La Turchia chiuderà l’Autorità statale per le telecomunicazioni nell’ambito della ristrutturazione istituzionale post golpe per eliminare i seguaci della rete di Fethullah Gülen.

E Ankara ne ha anche per l’Italia. Il figlio del presidente, Bilal, è sottoposto a indagine dalla Procura di Bologna per il reato di riciclaggio. Erdogan ha avvisato Roma che questa indagine potrebbe mettere a rischio le relazioni con l’Italia e che i giudici italiani farebbero meglio a occuparsi di mafia. Affermazioni che hanno provocato l’Ira di Matteo Renzi, mentre in Turchia continuano le manifestazioni di sostegno al presidente e alla sua politica.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo