ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Massacro in chiesa: Francia ricorda prete assassinato

mondo

Massacro in chiesa: Francia ricorda prete assassinato

Pubblicità

A due giorni dal massacro del sacerdote francese Jacques Hamel, sgozzato nella sua parrocchia di Saint-Étienne-du-Rouvray, in Francia, circa tremila persone si sono raccolte per ricordare l’86enne prete.

Alla commemorazione hanno partecipato l’arcivescovo di Rouen Dominique Lebrun, assieme al sindaco della cittadina colpita dalla furia jihadista che ha detto: “Un’emozione fortissima provocata da un atto ignobile che non ci metterà in ginocchio né qui a St Etienne du Rouvray, né altrove”

Grandi le misure di sicurezza. Alla manifestazione hanno partecipato anche ex ostaggi. Soppressa però una marcia assieme ad altre manifestazioni. Anche questo giovedì molte persone hanno lasciato fiori e candele attorno alle transenne che circondavano la chiesa che ha vissuto l’orrore.

Commozione fra i presenti. Dice una donna: “Questa cerimonia mi fa sentire meglio. È un riconoscimento per quello che era questo sacerdote. Di chi era, di ciò che abbiamo perso”

Un’altra ragazza aggiunge: “I francesi sono forti. Credo nella Francia, nei suoi musulmani, nei cattolici e negli ebrei”.

Martedì due aggressori hanno interrotto la messa del mattino, hanno preso in ostaggio i presenti e assassinato il sacerdote prima che la polizia riuscisse a intervenire e ucciderli.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo