ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brexit: Hollande a May, "fate presto"

mondo

Brexit: Hollande a May, "fate presto"

Pubblicità

Dopo la Germania, la Francia: Theresa May incontra François Hollande, a quanto pare su richiesta del presidente francese. La neo-premier britannica ha trovato all’Eliseo un atteggiamento diverso rispetto alla tappa berlinese della vigilia. Se Angela Merkel aveva invocato soprattutto il senso di responsabilità, François Hollande vuole tempi stretti per il Brexit:

“L’incertezza è il rischio più grande: quando i cittadini e gli operatori economici dubitano di quello che faremo, allora si possono avere rischi per la stabilità, per l’economia europea e quindi per il lavoro, al quale teniamo molto e sul quale siamo quindi molto attenti”.

Non si è scomposta Theresa May: la premier ha detto chiaramente che il Regno Unito non chiederà l’uscita dall’Unione europea almeno fino alla fine dell’anno.
Dopodiché ha sottolineato che le porte resteranno comunque aperte per gli amici francesi:

“L’anno scorso il controvalore del nostro commercio bilaterale ha raggiunto i 50 miliardi di euro. Ciascuno di noi è per l’altro il quinto mercato per l’export. Oggi, le aziende francesi danno lavoro a 360.000 persone nel Regno Unito. E siamo il quarto investitore in Francia. Voglio ribadire che la Gran Bretagna rimane aperta agli investimenti, e che i cittadini francesi ed europei potranno continuare a lavorare in Gran Bretagna”.

Hollande insiste perché lo facciano subito, o almeno lo fa in pubblico. Theresa May ha continuato a sottolineare che la Gran Bretagna avvierà la procedura e quindi i negoziati quando avrà ben chiari i propri interessi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo