ULTIM'ORA

Lettura in corso:

A Cleveland, tra i sostenitori di Trump

mondo

A Cleveland, tra i sostenitori di Trump

Pubblicità

A Cleveland, ormai domate le frange anti- Trump, il candidato repubblicano rappresenta l’uomo della provvidenza. Non a caso il suo slogan è: “Far tornare grande l’America”.
Un sogno da realizzare come in passato, dicono i suoi sostenitori, alle presidenziali di novembre.

“Finalmente si tornerà a parlare in modo schietto, su questioni di buon senso – dice un anziano repubblicano – Siamo stati guidati finora da burocrati che hanno portato il paese alla rovina”.

Come tutti i fenomeni populisti, Trump oltrepassa classi e interessi, tradizione e identità.

“Sono sicuro della vittoria – dice un giovane delegato – perché penso che la gente sia stanca di Hillary Clinton. Credo che finalmente ci riprenderemo il nostro paese”.

“Gli anziani, sia coloro benestanti che quelli più poveri voteranno per Donald Trump – aggiunge un altro delegato – Anche se non lo vogliono dire apertamente”.

“Donald Trump è ora di fronte a enormi ostacoli – dice il nostro corrispondente – Arranca nei sondaggi, gli mancano finanziamenti dai sostenitori. Non ha una strategia politica mirata e preside un partito diviso. Ma se c‘è una cosa che eccita i repubblicani più di ogni altra cosa, è il desiderio primordiale di battere Hillary Clinton. Da Cleveland Stefan Grobe, euronews”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo