ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: May "Regno Unito lascerà l'Unione europea, ma non l'Europa"

Il Regno Unito è troppo impegnato nei negoziati per l’uscita dall’Unione europea e non ne assumerà la presidenza di turno nel secondo semestre del 2017.

Lettura in corso:

Brexit: May "Regno Unito lascerà l'Unione europea, ma non l'Europa"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Regno Unito è troppo impegnato nei negoziati per l’uscita dall’Unione europea e non ne assumerà la presidenza di turno nel secondo semestre del 2017. La conferma arriva dalla premier britannica, Theresa May, nel giorno del suo primo confronto parlamentare, dove il Primo ministro ha sfoderato – dicono i commentatori inglesi – una sicurezza e un sarcasmo degni di Margaret Thatcher.

allviews Created with Sketch. Point of view

"Il Regno Unito lascerà l'Unione europea, ma il Regno Unito non lascia l'Europa e la nostra cooperazione continuerà"

Theresa May Premier britannica

“Quello che dobbiamo fare nei negoziati è garantire il rispetto delle richieste degli elettori sulla necessità di controlli alle frontiere e sulla libera circolazione – ha detto la leader del governo conservatore – ma dobbiamo anche negoziare il miglior accordo di scambio in beni e servizi per i cittadini inglesi”.

La May incontra in queste ore la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente francese, François Hollande, per avviare le discussioni sulla Brexit che si è impegnata – queste le sue prime parole da capo del governo – a trasformare in un “successo”.

“Abbiamo bisogno di continuare la nostra cooperazione sulla sicurezza con la Francia e gli altri Paesi europei. Non ci faremo intimidire dai terroristi, entrambi affrontiamo le stesse minacce e abbiamo bisogno di lavorare insieme per sconfiggere queste minacce – ha consluso Theresa May – E posso affermare chiaramente che che sì, il Regno Unito lascerà l’Unione europea, ma il Regno Unito non lascia l’Europa e la nostra cooperazione continuerà”.

La premier britannica ha intenzione di avviare il divorzio da Bruxelles attivando l’articolo 50 del Trattato di Lisbona, entro la fine del 2016. Ma solo dopo che avrà concordato le modalità di uscita con Scozia, Galles e Irlanda del Nord.