ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Doping, WADA conferma: Russia ha coperto atleti dopati, dal 2010

mondo

Doping, WADA conferma: Russia ha coperto atleti dopati, dal 2010

Pubblicità

La Russia è sempre più al centro del ciclone. Il rapporto McLaren, presentato questo lunedì dall’agenzia mondiale antidoping (WADA), conferma le accuse: il laboratorio antidoping di Mosca, con il permesso di alte cariche dello Stato, ha coperto alcuni atleti risultati positivi a Sochi 2014.

“Il laboratorio di Sochi ha operato uno scambio di campioni, per permettere ad atleti russi dopati di partecipare alle Olimpiadi invernali”, ha spiegato Richard McLaren, capo della commissione indipendente. “Il Ministero russo dello Sport ha diretto, controllato e supervisionato la manipolazione dei risultati”.

Nelle 97 pagine del rapporto, si parla di almeno 312 casi di manipolazione. Il sistema, organizzato dal Ministero dello Sport, ha coinvolto “tutti gli sport” ed iniziò con le Olimpiadi Invernali di Vancouver 2010, durando almeno fino ai Mondiali di nuoto di Kazan 2015. A questo punto, il rischio che la Russia non partecipi agli imminenti Giochi di Rio, è reale.

Il rapporto McLaren

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo