ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Strage di Nizza, dopo la rivendicazione dell'Isil, alla ricerca di riscontri

mondo

Strage di Nizza, dopo la rivendicazione dell'Isil, alla ricerca di riscontri

Pubblicità

C‘è il modus operandi, un veicolo lanciato fra la folla per provocare il massimo possibile di morti, in questo caso un camion, come l’Isil aveva esortato i suoi adepti a fare per colpire in Occidente. Ma, per adesso, è l’unico elemento che potrebbe giustificare la rivendicazione del sedicente Stato islamico per l’attacco di Nizza, giunta attraverso l’agenzia di comunicazione abituale su internent.

Alla ricerca di prove

La polizia ha fermato altre tre persone legate all’attentatore, però in casa, nei computer e sui telefoni di Mohamed Lahouaiej Bouhlel non è stato trovato ancora nessun elemento che provi un qualunque interesse per la jihad. Gli inquirenti avrebbero comunque trovato un contatto sul cellulare che potrebbe portare a un jihadista originario di Nizza, legato però non all’Isil, ma al Fronte Al Nusra una delle fazioni estremiste islamiche che combattono in Siria.

Annullata la cerimonia di suffragio

Nella città della Costa azzurra c‘è sempre tanta emozione,tuttavia, per ragioni di sicurezza è stata annullata la cerimonia di omaggio alle vittime inizialmente prevista vicino alla Promenade des Anglais, teatro della strage di giovedì sera. La Francia è entrata nei tre giorni di lutto nazionale che culmineranno lunedì a mezzogiorno con un minuto di silenzio osservato in tutto il paese.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo