ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Golpe in Turchia: le immagini dell'occupazione della tv

mondo

Golpe in Turchia: le immagini dell'occupazione della tv

Pubblicità

Disarmati e trasportati nelle caserme per essere interrogati. È quello che è accaduto ai militari che nella notte avevano cercato di prendere il controllo della tv per diramare un comunicato con le ragioni del golpe poi fallito.

Le truppe golpiste sono entrate negli uffici di Trt, la tv di stato, e della CNN Turchia. Le operazioni si sono tenute nelle due maggiori città turche: la capitale Ankara e a Istanbul.

La giornalista in turno, i cui occhi e il nervosismo esprimono tutta la paura del momento, è stata costretta a il documento. Ci sono state ore di concitazione fino a quando le forze di sicurezza lealiste sono entrate negli studi e hanno arrestato i rivoltosi.

Cifre su eventuali vittime non ce ne sono anche se, secondo le notizie più recenti, almeno 104 golpisti sarebbero stati abbattuti.

Questo è solo l’ultimo di una lunga serie di colpi di Stato avvenuti nel Paese. L’ultimo nel 1997, mentre, in termini di violenza, il peggiore è occorso nel 1980, stavolta però, l’esecutivo può far leva su di un ciclo economico positivo che dura da almeno dieci anni. Per questo è probabile che malgrado una politica di grande controllo, anche sociale, la popolazione non abbia preso posizione, e anzi in molti si siano schierati contro il golpe, contribuendo al suo fallimento.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo