ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: 84 morti nell'attentato di Nizza, dieci sono bambini e adolescenti

La Promenade des Anglais era gremita per la festa nazionale del 14 luglio. Il presunto attentatore, un tunisino di 31 anni, ucciso dalla polizia. Non era conosciuto per radicalizzazione.

Lettura in corso:

Francia: 84 morti nell'attentato di Nizza, dieci sono bambini e adolescenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Un nuovo attentato sconvolge la Francia: strage a Nizza la sera della festa del 14 luglio. Verso le 23, un camion ha oltrepassato le barriere e si è diretto contro la folla sulla Promenade des Anglais. Una corsa di due chilometri.

84 morti e 202 feriti

Il bilancio è di 84 morti, dieci dei quali bambini e adolescenti. Duecentodue i feriti dei quali 52 in condizioni critiche.

La Farnesina non ha ancora reso noto se ci sono italiani tra le vittime, ma il console italiano a Nizza ha detto che molti connazionali si trovavano sulla Promenade per i festeggiamenti.

Il presunto attentatore è tunisino, sconosciuto all'intelligence

Il procuratore di Parigi François Molins ha affermato che il presunto attentatore è Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, 31 anni, di nazionalità tunisina, sposato con figli e che l’ex moglie è in stato di fermo. L’uomo era conosciuto per episodi di minacce e violenza e lo scorso marzo era stato condannato a sei mesi di carcere con la condizionale.

Era sconosciuto ai servizi di intelligence, nazionali e locali. Non era schedato per radicalizzazione.

Hollande esorta all'unità e alla coesione

Il presidente francese François Hollande si è recato a Nizza e ha esortato “all’unità” e “alla coesione”. Decretato il lutto nazionale per sabato, domenica e lunedì.

Nessuna rivendicazione

L’antiterrorismo della Procura di Parigi dirige l’inchiesta sull’attentato. L’attacco non è stato rivendicato, ma le modalità corrispondono a quelle citate negli appelli fatti circolare da gruppi jihadisti, ha sottolineato il procuratore di Parigi, François Molins. Nel 2014 l’Isil aveva esortato i propri seguaci a uccidere con qualsiasi mezzo, anche con veicoli.

Un numero d’emergenza è stato messo a disposizione dalla Farnesina: