ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Banche, la UE gela l'Italia: "Rispetti le regole, la Brexit non c'entra"

economia

Banche, la UE gela l'Italia: "Rispetti le regole, la Brexit non c'entra"

Pubblicità

Sul Monte dei Paschi e le banche nella tormenta, l’Europa gela l’Italia e rimanda la palla a Roma. Nel giro di poche ore il vicepresidente della Commissione Dombrovskis liquida l’eventualità di un’incidenza della Brexit e richiama alla responsabilità. Simili i toni del presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem, che sì esclude problemi di liquidità, ma chiude a ogni soluzione che aggiri la direttiva sulle banche e le nuove regole sul bail-in.

Le parole di Bruxelles non bastano tuttavia a placare i timori di contagio, che affiorano nelle analisi degli esperti. “Si tratta di un elemento importante che ora torna sul tavolo – ragionano alcuni -: se le banche italiane si trovassero a vivere una crisi sistemica, ci sarebbe ovviamente il rischio di un contagio anche ad altre banche europee”.

All’indomani delle parole di Renzi, che rassicurava correntisti e risparmiatori, il titolo di MPS ha accusato a Piazza Affari la doccia fredda di Bruxelles. La strada è in salita, ma l’opzione che appare privilegiata da Palazzo Chigi è un’architettura che riposi sul potenziamento del fondo Atlante.

Per Unicredit, Goldman Sachs stima intanto a un massimo di 9,6 miliardi il capitale extra necessario a riportare le perdite sui crediti a livelli che definisce “coerenti”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo