ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Turchia: identificati i tre presunti attentatori

mondo

Turchia: identificati i tre presunti attentatori

Pubblicità

Tre kamikaze provenienti da Paesi dell’ex Unione Sovietica sarebbero gli autori dell’attacco all’aeroporto di Istanbul. E’ quanto hanno annunciato gli inquirenti turchi, rivelando anche che gli assalitori intendevano prendere ostaggi, ma il conflitto a fuoco con la polizia li avrebbe spinti a farsi saltare in aria subito.

I tre, arrivati in taxi al terminal internazionale, si sarebbero diretti uno agli arrivi, uno alle partenze e il terzo nel parcheggio.

Si tratterebbe di un cittadino dell’Uzbekistan, uno del Kirghizistan e uno della repubblica russa del Daghestan, tutti legati all’Isil, secondo Ankara.

I loro nomi non sono stati rivelati, ma la loro identità sarebbe stata scoperta dagli inquirenti grazie all’esame del DNA e al ritrovamento di passaporti in un appartamento che i tre avevano affittato un mese prima dell’attacco.

La polizia ha compiuto blitz in almeno 16 indirizzi di Istanbul, arrestando 13 persone (9 turchi e 4 stranieri) di cui si sospetta il coinvolgimento nell’attentato, ed è intervenuta anche a Smirne, fermando altri nove presunti membri dell’Isil.

Intanto, mentre prosegue il lavoro di identificazione delle oltre 40 vittime, si sono svolti i primi funerali. Almeno 19 dei morti erano stranieri, tra cui due donne palestinesi, i cui corpi sono stati rimpatriati.
Una cerimonia si è tenuta nell’aeroporto Ataturk in memoria dei 15 dipendenti dello scalo internazionale che hanno perso la vita.

Oltre 200 feriti sono ancora ricoverati negli ospedali.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo