ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Intervista con l'epidemiologo Kurt Straif

insiders

Intervista con l'epidemiologo Kurt Straif

In partnership con

Abbiamo incontrato Kurt Straif, coordinatore di uno studio dell’Istituto Internazionale per la Ricerca sul Cancro, una brance dello Oms, a Lione in Francia, della sicurezza del glifosato. Gli abbiamo chiesto delle contraddizioni fra le inchieste portate avanti sui pesticidi.

Kurt Straif: “Noi abbiamo analizzato molti dati e una vasta letteratura scientifica sul glifosato. Tutto questo è stato realizzato dai migliori esperti del ramo. Persone che non avevano nessun conflitto di’interessi che potesse metterne in dubbio l’obiettività. Bene, questi studiosi hanno concluso che il glifosato è dannoso per gli esseri umani. Ci sono diverse prove. Innanzitutto l’apparire di tumori in animali esposti al glifosato, oltre ad esempi limitati di casi negli esseri umani esposti. Dal punto di vista tossicologico però, c‘è la prova del fatto che questo elemento danneggia i geni”.

Euronews: “Perché il glifosato non viene vietato, considerando questi risultati scioccanti?”

Kurt Straif: “La nostra è stata una ricerca indipendente e slegata da ogni ufficialità. Essa ha considerato quello che noi sappiamo circa i rischi cancerogeni rappresentati da queste sostanze. Spetta però ad altre agenzie, come ad esempio l’OMS, o ad organizzazioni nazionali o sovranazionali, compiere un calcolo di rischio. Hanno dovuto decidere sulla base di uno scenario diverso e di un’esposizione diversa: come agricoltore, sulla base di quello che mangiamo, nei cosmetici, ovunque queste sostanze siano presenti, per arrivare a conclusioni definitive.

Euronews: “Nel maggio scorso una commissione congiunta di Fao e Oms ha assolto il glifosato dall’accusa di essere cancerogeno. Perché?”

Kurt Straif: “Questo non contradddice ciò che noi abbiamo detto a proposito del glifosato. Noi siamo l’authority chiamata a classificare le sostanze cancerogene per l’Oms. Quest’altra commissione si è invece occupata dell’esposizione al cibo ed è arrivata ad altre conclusioni circa la sicurezza o meno di questi elementi”.

Euronews: “Ma come consumatore, come agricoltore, come consumatore di birra occasionale, o anche solo come persona che ama andare in parchi trattati col glifosato, a cosa o a chi bisognerebbe credere?”

Kurt Straif: “Io ritengo che si debba capire che il nostro risultato, secondo cui il glifosato provoca tumori negli esseri umani, resta valido. Bisogna però considerare altri scenari e io non posso fare commenti, in questo caso, su valutazioni diverse”.

Euronews: “Ci sono indagini scaturite da questo rapporto di Fao e Oms, secondo cui i membri di questa commissione hanno ricevuto mazzette dalla Monsanto, che è la prima produttrice mondiale di glifosato. Lei come scienziato è infastidito da questi sospetti?”

Kurt Straif: “È un tema importante che dev’essere analizzato a fondo”.

Prossimo Articolo