ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Trono di spade dei conservatori britannici:tradimenti e strane alleanze in vista del congresso

Presentate le candidature, i tory partono alla conquista del partito e del governo

Lettura in corso:

Il Trono di spade dei conservatori britannici:tradimenti e strane alleanze in vista del congresso

Dimensioni di testo Aa Aa

Dovevano esserci sei cavalli in questa corsa. Uno si è ritirato (Boris Johnson) e adesso i bookmakers devono riorganizzare le poste.

allviews Created with Sketch. Point of view

"Brexit significa Brexit, non rientreremo dalla porta di servizio"

Theresa May Ministro dell'interno britannico

In palio c‘è la guida del partito conservatore britannico e dunque la guida del prossimo governo del Regno unito.

I bookmaker scommettono su Theresa May , la responsabile dell’interno, era contro la Brexit, ma promette di rispettare l’esito del referendum:

Brexit significa Brexit. La campagna è stata combattuta e gli elettori hanno detto la loro. Non dobbiamo cercare espedienti per restare nell’Unione europea e non ci dovrà essere un secondo referendum. La decisione di invocare l’art. 50 dovrà essere presa solo quando avremo una strategia di negoziato condivisa e chiara.

Tu quoque Michael Gove

May ha buone possibilità di rattoppare un partito strappato dalla Brexit, ma dovrà fare i conti prima di tutto con Michael Gove.

Il ministro della giustizia ha fatto campagna con Johnson fino a ieri, era un fedelissimo dell’ex sindaco di Londra. Era, perché oggi improvvisamente, ha dichiarato che si candida e questa sortita non è forse estranea alla decisione di Johnson di ritirare la propria di candidatura. Tanto più che Gove ha dichiarato di non ritenere Johnson adatto a guidare il partito in questa fase.

Con un tale amico in campo Johnson ha previsto che non c’era più abbastanza spazio per raccogliere tutti i voti degli anti-europei e che dunque la vittoria sarebbe andata sistematicamente a May, da qui, forse, il sorprendente ritiro.

Tanto più che sono pro-Brexit anche quasi tutti gli altri candidati detti minori, ossia la sottosegretaria al tesoro Andrea Leadsom e l’ex ministro della difesa Liam Fox.

Invece, fra i sostenitori del Remain, a contendere la palma della vittoria a Theresa May c‘è solo il ministro del lavoro Stephen Crabb. Come il ministro dell’interno, Crabb si è impegnato ad attuare quella Brexit che non ha voluto e quindi a non rovesciare l’esito referendario.

Boris Johnson, su twitter è ormai un genere