ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Controlli insufficienti all'aereoporto di Istanbul

mondo

Controlli insufficienti all'aereoporto di Istanbul

Pubblicità

La Turchia è stata colpita da un attacco terroristico con obiettivo l’aeroporto Atatürk di Istanbul.

Il corrispondente di Euronews da Istanbul Bora Bayraktar ci spiega gli ultimi sviluppi.

Gizem Adal, euronews :

Il primo ministro turco Binali Yıldırım ha detto che le misure di sicurezza dello scalo aereo di Istanbul sono sufficienti. Ma come mai questi tre kamikaze sono potuti entrare in un aeroporto in cui sia i passeggeri sia chi li accompagna passa al setaccio della sicurezza? Come hanno fatto con i kalashnikov?

Bora Bayraktar :

Dietro di me potete vedere l’ingresso dell’aeroporto, da dove entrano le macchine. C‘è un passaggio obbligatorio da un posto si controllo. Gli agenti danno un’occhiata e lasciano passare, a meno che non notino qualcosa di sospetto. 500-600 metri più in là c‘è l’edificio del terminal. Probabilmente i terroristi sono venuti con un taxi e al primo posto di controllo si sono presentati con le giacche indosso. Siccome fa molto caldo a Istanbul, con ogni probabilità gli agenti si sono insospettiti. Per questo la prima sparatoria è avvenuta lì.

euronews :

Il gruppo terroristico Isil ha dichiarato di essere contrario all’accordo di normalizzazione delle relazioni siglato di recente fra Israele e la Turchia. L’attacco è legato a questo?

Bora Bayraktar :

La dichiarazione israelo-turca risale ad alcuni giorni fa. Questo attacco è stato condotto con modalità sofisticate ecco perché si ritiene che sia stato necessario un lavoro preparatorio per realizzarlo. L’Isil ha perpetrato 4 attentati quest’anno in Turchia e in tutto ne ha portati a termine 9. I terroristi puntano alla Turchia perché fa parte della coalizione contro di loro e perché ha un governo laico. Oltretutto siamo al secondo anniversario della proclamazione del cosiddetto Califfato e l’attentato potrebbe essere un modo per celebrarlo. E c‘è un’altra cosa da rilevare: la Turchia sta conducendo all’interno del proprio territorio, operazioni contro l’Isil.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo