ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brexit: su twitter paura e gioia per il risultato del referendum

mondo

Brexit: su twitter paura e gioia per il risultato del referendum

Pubblicità

Paura e gioia, scenari tetri e umorismo. I protagonisti della cultura e della politica reagiscono alla Brexit via twitter
 
Dopo la vittoria della Brexit, “la Scozia chiederà l’indipendenza” dal Regno Unito. È la convinzione espressa da Jk Rowling, l’autrice della saga di Harry Potter, su twitter.

L’ex Primo ministro svedese, Carl Bildt, confronta le turbolenze di mercato della sterlina a quelle della valuta dello Zimbabwe:

Anche SpongeBob dice la sua:

La Brexit non avrà un’influenza significativa sulla Russia, il paese ha i suoi problemi, più delicati”. Lo ha scritto su Twitter Aleksei Kudrin, consigliere del Cremlino per l’economia ed ex ministro delle Finanze.

“Dobbiamo cambiarla per renderla più umana e più giusta. Ma l’Europa è la nostra casa, è il nostro futuro”. E’ la linea del premier Matteo Renzi alla luce della Brexit, dettata via Twitter da palazzo Chigi.

La vittoria del progetto Brexit ha galvanizzato i partiti nazionalisti negli altri Stati membri. A cominciare dalla Francia: Marine Le Pen – sconfitta alle ultime elezioni amministrative, ma il cui Fronte nazionale è risultato avanzare nei consensi – su Twitter ha parlato di “vittoria della libertà. Come chiedo da anni, ora bisogna fare anche in Francia lo stesso referendum e anche negli altri Paesi europei”. La leader del FN ha sostituito la sua foto profilo con quella della Union Jack.

Frauke Petr, leader del partito di estrema destra tedesco AfD, ha twittato: “i tempi sono maturi per una nuova Europa”. Da giorni invocava la vittoria del ‘leave’.

“Tristezza per il Regno Unito. L’Europa continua, ma dovrebbe reagire e riconquistare la fiducia della gente. È urgente”. Lo ha scritto su twitter il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault, commentando l’esito del referendum sulla Brexit.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo