ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia: vietata manifestazione, poi marcia indietro

mondo

Francia: vietata manifestazione, poi marcia indietro

Pubblicità

Un divieto che riesce a mettere d’accordo tutti in Francia, contro il governo: la manifestazione sindacale prevista per domani a Parigi è stata vietata, formalmente dalla Prefettura per ragioni d’ordine pubblico. Ma i sindacati che avevano indetto la protesta ritengono che la decisione sia in realtà politica, da parte dell’esecutivo. A provarlo, le 24 ore di ritardo con cui la Prefettura ha risposto ai sindacati, che hanno chiesto e ottenuto ora un incontro urgente con il Ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, apparso nei giorni scorsi più malleabile rispetto al Primo Ministro, Manuel Valls.

Al termine dell’incontro, il via libera: i sindacati – GCT e FO in primis – hanno informato il ministro che era ormai impossibile annullare la manifestazione, ed è stato quindi accettato un percorso più breve, circa 1 km com partenza e arrivo in Place de la Bastille.

Ai sindacati era stata imposta una manifestazione statica, e la ragione addotta faceva riferimento ai disordini di una settimana fa. Gli organizzatori avevano proposto due itinerari diversi, e la risposta si è fatta attendere fino a ora. Un divieto che non si era mai visto dall’epoca delle manifestazioni per l’Algeria nel ’62. Proteste immediate da sinistra a destra, e anche dai sindacati che erano d’accordo con la riforma.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo