ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia: pace armata governo-sindacati

mondo

Francia: pace armata governo-sindacati

Pubblicità

È muro contro muro quello fra governo francese e sindacati, soprattutto la Cgt, quello più a sinistra che ha chiesto il ritiro della legge che sancisce la riforma sul lavoro.

Dichiarazioni distensive, ma non è uscito nient’altro dall’incontro fra la ministra del lavoro Miriam el Khomri e il leader della Cgt Philippe Martinez che non ha nessuna intenzione di annullare le agitazioni annunciate, malgrado i campionati europei di calcio. “Siamo venuti con proposte, ma non siamo noi a dover prendere decisioni, non siamo noi che governiamo. Per ora non ci sono motivi per fermare la mobilitazione”.

Una pace armata insomma, visto che il governo ha detto che non intende ritirare la legge. La misura che chiede la CGT.

“Quello che vogliamo fare”, dice la ministra del lavoro el Khomri, “ è di dare più spazio alle aziende in modo che possano, a seconda dei casi, decidere di negoziare coi lavoratori”.

A gettare benzina sul fuoco anche la frase del premier Valls, che ha minacciato di poter vietare le manifestazioni se non potesse essere garantita la sicurezza. Il diritto di manifestare è sancito dalla costituzione, ma la frase del governo dimostra la violenza dello scontro con i sindacati.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo