ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Va in scena il postdigitale alla Biennale di Berlino

Cult

Va in scena il postdigitale alla Biennale di Berlino

In partnership con

Quali sono le coordinate dell’arte contemporanea? Forse la Biennale di Berlino nelle sue limitazioni individua i paradossi della globalizzazione.

I suoi organizzatori, i memebri del collettivo DIS di New York, sotto il titolo ‘The Present as a Drag’ tentano un catalogo di istantanee incertezze che affaticano la contemporaneità ma dovrebbero anche essere uno stimolo all’arte. Il gioco diventa un dialogo fra il pubblico e la città, fra l’interesse per l’arte e chi fa arte nel mondo.

Il londinese Simon Fujiwara per l’installazione intitolata ‘Museo della felicità’ si è ispirato al fratello economista che ha fatto uno studio sulla ‘felicità’ a partire dai presupposti delle società capitalistiche.

Gli austriaci Armen Avanessian e Alexander Martos hanno illustrato un nuovo tipo di servizio segreto per la gente chiamato ‘DISCREET’.

Cosi’ è la dimensione post digitale che si affacia prepotentemente sulla vasta ribalta berlinese.

La nona Biennale di Berlino resta aperta al pubblico fino al 18 settembre in diverse location della capitale tedesca.

Prossimo Articolo