ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage di Orlando, impennata delle azioni dei produttori di armi Usa

Il giorno dopo la strage di Orlando i titoli dei principali produttori di armi da fuoco hanno registrato un’impennata.

Lettura in corso:

Strage di Orlando, impennata delle azioni dei produttori di armi Usa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il giorno dopo la strage di Orlando i titoli dei principali produttori di armi da fuoco hanno registrato un’impennata. Lunedì, alla chiusura dei listini, Smith & Wesson guadagnava il 6,9%, mentre le azioni della rivale Ruger si sono apprezzate di otto punti e mezzo percentuali.

Una reazione paradossale ma non imprevista, spiegano gli esperti: per gli investitori lo spettro dell’introduzione di leggi più severe sulla vendita di armi spinge di norma gli acquirenti a fare incetta. Specialmente nei casi in cui i massacri vengono perpetrati da persone che hanno acquistato pistole e fucili legalmente. Come nel caso di Omar Mateen.