ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Mario Draghi chiede più riforme strutturali per la crescita dell'eurozona

economia

Mario Draghi chiede più riforme strutturali per la crescita dell'eurozona

Pubblicità

I Paesi dell’eurozona non devono affidarsi soltanto alla Bce per sostenere le proprie economie: da Bruxelles Mario Draghi ha di nuovo tenuto un discorso che oltrepassa le questioni di politica monetaria chiedendo agli Stati di attuare più riforme strutturali per la crescita e l’occupazione.

Secondo il governatore della Bce gli effetti delle riforme sono visibili, ma molto altro va fatto: “Si stima che le riforme attuate dal Portogallo con il suo programma di aggiustamento abbiano ridotto il tasso di disoccupazione di tre punti percentuali fra il 2011 e il 2014. Allo stesso modo la riforma del mercato del lavoro spagnolo del 2012, da allora è stata un fattore di stimolo per la crescita dell’occupazione”.

In Portogallo la disoccupazione è al 12%, era oltre il 16% tre anni fa, ma intorno al 9% prima della crisi. Nel frattempo si è verificata la più vasta ondata di emigrazione di portoghesi dagli anni ’60 (soltanto fra il 2012 e il 2014 circa 400.000 portoghesi hanno dichiarato di vivere all’estero).

Sono circa quattro milioni quelli che vivono all’estero, quasi la metà della popolazione del Portogallo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo