ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Hrytsak, Sbu: "L'Ucraina ha sventato un'operazione di terrorismo internazionale"

mondo

Hrytsak, Sbu: "L'Ucraina ha sventato un'operazione di terrorismo internazionale"

Pubblicità

Lunedì scorso i servizi segreti ucraini hanno annunciato che Grégoire Moutaux, 25 anni, francese ma sconosciuto alle autorità di polizia francesi, era stato arrestato mentre preparava diversi attentati da attuare durante gli Europei in Francia. L’arresto è avvenuto il 21 maggio alla frontiera fra l’Ucraina e la Polonia dopo sei mesi d’indagini. Nelle immagini diffuse dall’Sbu lo si vede caricare su un furgone 125 chili di tritolo, alcuni lanciarazzi e dei kalashnikov.

Secondo Vasyl Hrytsak, capo dei servizi segreti ucraini, Mouteaux intendeva colpire una moschea, una sinagoga e alcuni uffici delle tasse per dar voce alla sua opposizione alla politica migratoria della Francia, alla diffusione dell’Islam e alla globalizzazione.

Il nostro corrispondente da Kiev l’ha intervistato.

Sergio Cantone, euronews: Per quanto riguarda quest’operazione, lei la considera terminata o pensa che ci sia ancora molto lavoro da fare?

Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “Per quanto ne so, quest’uomo lavorava per un’azienda agricola. Però qui in Ucraina portava con sé un’arma, e le nostre foto e i nostri video mostrano chiaramente come teneva il kalashnikov. Potete vedere come tiene il dito, con la competenza degli uomini delle forze speciali: non sul grilletto, ma lungo la barra del fucile. Si è detto pronto a commettere attentati in Francia. Si è lamentato di molte cose. Ha detto che esiste un’organizzazione di cui è membro. Non dava l’impressione di essere semplicemente qualcuno che voleva comprare armi e venderle in Francia”.

Sergio Cantone, euronews: In base alle vostre indagini, a quale organizzazione apparterrebbe?

Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “Purtroppo non posso rivelare tutte le prove che abbiamo raccolto nel corso delle indagini. Ma è molto probabile che si tratti di un’organizzazione di estrema destra”.

Sergio Cantone, euronews: Un’organizzazione di estrema destra francese o europea, transnazionale?

Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “Purtroppo non posso dire che quest’organizzazione operi solo sul territorio francese, ma quello che abbiamo scoperto dalle indagini preliminari e dalle perquisizioni mostra che i membri di quest’organizzazione sono per lo più cittadini francesi”.

Sergio Cantone, euronews: Quali unità ucraine ha contattato, battaglioni di volontari o unità dell’esercito regolare?

Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “Ha contattato sia battaglioni di volontari sia rappresentanti dell’esercito ucraino. Per qualche tempo i suoi tentativi sono stati infruttuosi, finché non ne siamo venuti a conoscenza”.

Sergio Cantone, euronews: Il contatto giusto è stato un battaglione o l’esercito regolare? Chi gli ha venduto le armi?

Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “A un certo punto, seguendo l’attuale legislazione ucraina, i servizi segreti hanno deciso di avviare un ‘gioco operativo’ con il cittadino francese allo scopo di chiarire le sue reali intenzioni, di capire se volesse acquistare armi e commettere atti terroristici in Europa”.

Sergio Cantone, euronews: Quanto ha pagato?
Vasyl Hrytsak, capo dell’Sbu: “Ha effettuato diversi pagamenti. Una volta contattato, la conversazione con il potenziale fornitore l’ha convinto, e quindi ha proposto di versare un anticipo di 5 mila euro. Il pagamento è stato effettuato in tre fasi. Altre persone sono state coinvolte da quest’uomo nel pagamento delle armi, e hanno portato il denaro in Ucraina”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo