ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ue: Commissione adotta nuove regole sulle lobby, la SCHEDA di Euronews

mondo

Ue: Commissione adotta nuove regole sulle lobby, la SCHEDA di Euronews

Pubblicità

La Commissione Ue adotta nuove regole sul metodo di selezione di esperti esterni che hanno il compito di agevolare il processo politico-decisionale.

Si tratta di un insieme di norme e principi – informa una nota – che hanno lo scopo di aumentare la trasparenza, evitare conflitti di interesse e regolare in modo bilanciato la rappresentanza degli interessi stessi.

Secondo il report di Transparency International “Lobbying in Europe” su 19 Paesi europei, solo 7 hanno una qualche regolazione del sistema di rappresentanza degli interessi e, in molti casi, questa regolazione è insufficiente.

Dal conto loro le lobby eruopee hanno firmato una lettera congiunta indirizzata ai vertici di Bruxelles per sostenere l’introduzione di un registro e per nuove regole sul metodo di selezione di esperti esterni che hanno il compito di agevolare il processo politico-decisionale. Si tratta di un insieme di norme e principi – informa una nota – che hanno lo scopo di aumentare la trasparenza, evitare conflitti di interesse e regolare in modo bilanciato la rappresentanza degli interessi stessi.

I soggetti iscritti al registro dovranno fornire più informazioni di prima, ad esempio il numero di dipendenti che esercitano l’attività di lobbying, le principali proposte legislative che hanno sostenuto e gli importi dei finanziamenti dell’Ue ricevuti.

Quanto sono potenti le lobby a Bruxelles?

Transparency International dice che Bruxelles è la seconda più grande città del mondo per numero di lobbysti e il sistema attuale rende difficile monitorare la loro attività.

Fare Lobby è un lavoro controverso. L’anno scorso, per esempio, è emerso che i funzionari della Commissione europea tenevano segreti gli incontri con i lobbisti del tabacco che fanno pressione per ottenere leggi migliori per la loro industria.

I lobbisti hanno avuto 4.318 incontri con la Commissione eruopea tra dicembre 2014 e giugno 2015, il 75% di questi appuntamenti riguardava interessi aziendali.

Cosa dicono i lobbisti?

Tre organizzazioni che rappresentano consulenti, avvocati e esperti di affari pubblici a Bruxelles, chiedono un cambio nella gestione dei rapporti con l’Unione europea

Nella lettera esprimono il loro sostegno a un registro obbligatorio.

Cosa significa un registro obbligatorio delle lobby?

Iscrivendosi al registro per la trasparenza, le lobby si impegnano a rispettare un codice di condotta comune che li obbliga, ad esempio, a fornire sempre la propria identità e quella della società per cui lavorano e ad astenersi dall’ottenere informazioni in modo disonesto. Sono contemplati altresì un meccanismo di denuncia e misure da applicare in caso di violazione del codice di condotta.

Il registro non si limiterà più a contenere dati riguardanti i lobbisti tradizionali, ma la sua funzione si estenderà anche a studi legali, ONG, think tank, insomma a qualunque organizzazione o professionista autonomo che operi per influenzare l’elaborazione e l’attuazione della politica dell’Ue.

Il punto di vista di Transparency International

Daniel Freund, responsabile dei rapporti con l’Ue di Transparency International ha detto a Euronews: “I lobbisti hanno capito che l’autoregolamentazione non è riuscita e sostenere un sistema che obbliga ad applicare a tutti le stesse regole e norme di trasparenza. Nel sistema attuale è spesso il più trasparente che finisce sotto i riflettori, non coloro i quali mantengono le loro attività ben nascoste”.

“In questo tempo in cui si registra un calo di fiducia nelle istituzioni europee, è di vitale importanza per Bruxelles di rimanere leader di trasparenza, apertura e integrità”, ha concluso Freund.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo