ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Hashd al-Shaabi, la milizia che combatte Daesh

mondo

Hashd al-Shaabi, la milizia che combatte Daesh

Pubblicità

Il loro contributo è decisivo nella battaglia per strappare Fallujah a Daesh. Tuttavia, questi soldati non appartengono all’esercito iracheno, ma alla milizia della “Mobilitazione Popolare” anche conosciuta come Hashd al-Shaabi.

Una sorta di coalizione la cui componente di maggioranza è la brigata Badr, che porta la bandiera dell’ Imam sciita Hussein, ma a cui appartengono anche cristiani, sunniti e yazidi.

Acerrimi nemici di Daesh, il loro comandante si chiama Hadi al-Amiri.

Hadi al_Amiri, leader di Hashd al-Shaabi: “Stiamo circondando la città, ma non vi entreremo. Si tratta di una strategia tipica delle nostre operazioni, adottata in tutte le aree: assediare la città. Se le forze irachene, peró, non fossero in grado di ripulire Falluja, allora lo faremo noi ed entreremo.”

Prima a Tikrit nel marzo 2015, poi a Ramadi nel dicembre 2015 e infine ora a Falluja, i miliziani di Hashd al-Shaabi stanno cercando di evitare lo scontro settario, strappando queste città a Daesh.

Infatti, è immediatamente dopo l’occupazione di Mosul da parte di Daesh, che il grande ayatollah Ali al-Sistani esortó la popolazione alle armi per combattere i “terroristi e difendere il loro paese.”

Migliaia di volontari si sono uniti nei centri di formazione creati appositamente dalle autorità irachene per integrare le 40 milizie della mobilitazione popolare, che conta circa 80 mila uomini.

Dopo avere fermato l’avanzata di Daesh alle porte di Baghdad, i miliziani di Hashid al Shaabi combatterono con l’esercito regolare a Tikrit nel marzo 2015. Piú di 20mila uomini, insieme, riconquistarono la città dove nacque Saddam Hussein

Ora, è la città di Falluja che Hashd al-Shaabi vuole difendere. Con i tunnel le milizie entrano ed escono in tutta sicurezza. Quando Falluja, la seconda città piú grande dell’Iraq nelle mani di Daesh con Mossul, sarà ripresa gli jihadisti non avranno che il deserto davanti a loro. Falluja è stata la prima città ad essere occupata da Daesh nel gennaio del 2014.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo