ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Non solo Fallujah: Isil sotto assedio in Iraq e in Siria

mondo

Non solo Fallujah: Isil sotto assedio in Iraq e in Siria

Pubblicità

Il 19 maggio l’esercito iracheno ha riconquistato la città di Rutba, occupata da Isil nel 2014 insieme a gran parte del nord est dell’Iraq. Le forze di Baghdad, con il supporto aereo della coalizione guidata dagli Stati Uniti, avevano lanciato due giorni prima l’offensiva su questa cittadina della provincia di Anbar situata a ovest di Ramadi, città a sua volta liberata a febbraio, e di Fallujah, circondata dall’esercito iracheno dall’anno scorso.

Rutba si trova sull’autostrada internazionale che collega questa parte dell’Iraq con la Siria. Serviva anche come base all’autoproclamato Stato Islamico per le operazioni nelle zone più a nord e a est.

Un comandante testimonia: “La resistenza è stata debole, c’erano solo bombe, che sono state piazzate in negozi, ristoranti e veicoli. A Rutba abbiamo finito, ora li cacceremo da tutta la zona lungo l’autostrada”.

Un altro ufficiale spiega come hanno ottenuto l’intelligence necessaria: “I civili ci hanno fornito informazioni precise sui nascondigli del nemico, le autobombe, le strade utilizzate dal nemico e il livello di sicurezza sulle strade percorse dai convogli militari”.

A nord, nella provincia di Ninive, la roccaforte irachena di Isil, Mosul, resta ancora nelle mani dei jihadisti, che mantengono alcune posizioni nei villaggi intorno alla città, come Sultan Abdullah.

Il 24 marzo le forze irachene, appoggiate dalla coalizione internazionale, hanno avviato le operazioni militari sui villaggi situati a sud di Mosul, per poter aprire una strada fino alla città occupata due anni fa. L’obiettivo è di riprenderla entro l’anno. Riconquistare Mosul significherebbe la sconfitta di Isil in Iraq.

Sull’altro lato della frontiera, la capitale dello Stato Islamico è Raqqa. Al momento l’esercito siriano è impegnato a cercare di rimuovere i jihadisti da Deir al Zor, che collega Raqqa con l’Iraq. Il 17 maggio le forze di Assad hanno postato questo video dei combattimenti a Deir al Zor, senza precisare in che data siano state riprese le immagini. Il luogo esatto della battaglia è un ospedale. Isil controlla ancora la maggior parte della provincia di Deir al Zor, oltre alla città.

Verso Raqqa avanzano anche le Forze democratiche siriane, guidate dai curdi dello Ypg. I quali dicono che un assalto alla città spetterebbe alle forze arabe nella loro coalizione. Ma i gruppi arabi non sarebbero ancora pronti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo