ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Istanbul: aperto il primo World Humanitarian Summit

Di fronte alla più grande crisi umanitaria del dopo guerra, con oltre 130 milioni di persone nel mondo colpite da guerre e calamità ambientali, serve un Programma d’azione per…

Lettura in corso:

Istanbul: aperto il primo World Humanitarian Summit

Dimensioni di testo Aa Aa

Di fronte alla più grande crisi umanitaria del dopo guerra, con oltre 130 milioni di
persone nel mondo colpite da guerre e calamità ambientali, serve un Programma d’azione per l’umanità. In mezzo a star e 65 capi di Stato e di governo, agenzie dell’Onu, ong e istituzioni umanitarie, si è aperto a Istanbul il primo World Humanitarian Summit voluto dal segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, che ha detto: “Vi chiedo di dimezzare il numero dei rifugiati interni entro il 2030 e trovare soluzioni a lungo termine per i rifugiati”

Afferma l’attore Michael Franti: “La Turchia ha due milioni e 700mila rifugiati che vivono in questo paese e spende miliardi per loro. Solo una minima parte arriva da altri paesi. È importante che si capisca il valore dello sforzo umanitario”.

Il segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin, ha presentato un video
messaggio di papa Francesco.

Dice il nostro corrispondente: “Disastri naturali, cambio climatico e siccità, tutto questo ha portato alla peggiore crisi umanitaria della storia. Qui a Istanbul l’obiettivo è trovare soluzioni e progettare il futuro”.