ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Speed: Lorenzo re del Mugello, Rossi costretto al ritiro

speed

Speed: Lorenzo re del Mugello, Rossi costretto al ritiro

Pubblicità

Dopo la pole ottenuta nelle qualifiche i tifosi arrivati in Toscana per sostenere Valentino Rossi speravano di rivedere il Dottore sul gradino più alto del podio a otto anni dall’ultimo successo nella gara di casa. Invece il Mugello si conferma terra di conquista per Jorge Lorenzo.

Valentino deve alzare bandiera bianca dopo 9 giri, tradito dal motore della sua Yamaha. Lorenzo, che nel warm-up aveva avuto lo stesso problema del compagno di squadra, prende il largo tallonato da Marquez.

ll duello tra i due spagnoli si risolve solo negli ultimi metri con un entusiasmante arrivo al fotofinish. Marquez esce davanti dall’ultima curva, ma Lorenzo lo brucia sul rettilineo finale. Iannone completa il podio. Lorenzo ottiene il quinto successo nelle ultime sei gare al Mugello e ora guida la classifica con 10 punti di vantaggio su Marquez e 37 su Rossi.

Rossi-Capirossi, show al Mugello

Il Mugello è stato spesso teatro di sfide epiche. Nel 2006 Valentino Rossi e Loris Capirossi regalano al pubblico di casa uno spettacolo indimenticabile. Il Mondiale 2006 non comincia nel migliore dei modi per Valentino, che colleziona una sola vittoria nelle prime cinque gare e ben due ritiri. Al Mugello però si rivede il miglior Rossi.

Il Dottore è costretto a una gara tiratissima dal primo all’ultimo giro. Prima da un mai domo Sete Gibernau e poi da Capirossi, a cui bastano pochi giri per riportarsi nelle prime posizioni dopo una brutta partenza.

Il testa a testa tra i due italiani infiamma i 90mila spettatori e si risolve a favore di Rossi. Il numero 46 taglia il traguardo con mezzo secondo di vantaggio sul rivale. Compleata il podio un sornione Nicky Hayden, che a fine stagione festeggerà il suo primo e unico titolo mondiale, conquistato proprio ai danni di Valentino.

Rally: Meeke trionfa in Portogallo

Kris Meeke corona una fine settimana perfetto conquistando in Portogallo la sua seconda vittoria nel mondiale rally. Dopo aver vinto otto delle prime quindici speciali, il britannico al volante della Citroen si limita a controllare nelle ultime quattro prove contro il tempo in programma domenica.

Andreas Mikkelsen ruba il secondo posto a Sebastien Ogier e chiude con un ritardo di 29 secondi dal vincitore. Il campione del mondo si deve accontentare del terzo gradino del podio, staccato di 34 secondi da Meeke. Prossimo appuntamento in Sardegna, dove dal 9 al 12 giugno è in programma il rally d’Italia.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo