ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Austria: Hofer vs van der Bellen per il ballottaggio delle presidenziali

mondo

Austria: Hofer vs van der Bellen per il ballottaggio delle presidenziali

Pubblicità

Alle 7 in punto si sono aperti i seggi in Austria per le elezioni presidenziali.

Favorito per lo scranno più alto della Hofburg è il candidato della destra populista, Norbert Hofer. Molti osservatori ritengono che potrebbe interpretare alla lettera la Costituzione scritta nel 1929, ricalcata su quella di Weimar e che assegna, in teoria, poteri enormi al capo dello Stato. Persino maggiori di quelli che spettano al presidente della Repubblica francese. Un potere immenso fin qui usato con discrezione dai predecessori.

A cercare di arginare Hofer c‘è l’economista Alexander Van der Bellen, settantadue anni, ex portavoce dei Verdi, sposato con due figli, indipendente appoggiato dai partiti tradizionali. Figlio di un russo aristocratico di origini olandesi e di un’estone scappati dallo stalinismo, rivendica spesso di essere “figlio di rifugiati”.

6,4 milioni di elettori sono attesi alle urne per scegliere il nono capo di Stato austriaco della Seconda Repubblica, fondata nel 1945. I seggi chiuderanno alle 17 e i risultati sono attesi di lì a poco.

Dice il nostro corrispondnente: “Raramente le elezioni presidenziali austriache hanno avuto questa attenzione. Stavolta però è completamente diverso. Gli stessi europei attendono di vedere se un populista di estrema destra sarà eletto capo di stato”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo