ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Iraq: decine di feriti nell'invasione della zona verde di Baghdad

mondo

Iraq: decine di feriti nell'invasione della zona verde di Baghdad

Pubblicità

Decine di manifestanti e un numero imprecisato di agenti sono rimasti feriti in seguito agli scontri nella zona verde di Baghdad, la zona iper-protetta della capitale irachena nella quale si trovano le sedi istituzionali e diplomatiche.
I manifestanti sono riusciti a penetrare brevemente anche nell’ufficio del premier Haidar Abadi, prima di ritirarsi dalla zona verde.

“Siamo agli ordini di Sayyid Moqtada al-Sadr, è una protesta pacifica – diceva un manifestante, rivolto al governo -: ora è chiaro chi stia dietro alle bombe di Sadr City, di Kadhimiya e di Adil. Oggi, avete dimostrato di essere i leader dei terroristi”.

La polizia, per contenere i manifestanti, aveva fatto uso di lacrimogeni ma anche di pallottole di gomma. Moqtada al Sadr, il potente leader sciita, ha avvertito: “nessuno può impedire queste manifestazioni pacifiche, altrimenti la protesta prenderà altre forme”.

Il premier ha reagito: “Quello che è accaduto, con l’assalto agli uffici del governo e il danneggiamento di proprietà pubbliche, non può essere accettato, e la legge dovrà seguire il suo corso nei confronti di tutti i trasgressori”.

I manifestanti, molti dei quali venuti a Baghdad da zone anche lontane del Paese, chiedono riforme e una vera lotta alla corruzione. Il premier sta effettivamente tentando di varare un nuovo governo, con molti tecnici, ma incontra la resistenza di alcuni partiti timorosi di perdere le posizioni acquisite.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo