ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Aereo scomparso: l'Egitto difende le sue procedure di sicurezza

mondo

Aereo scomparso: l'Egitto difende le sue procedure di sicurezza

Pubblicità

L’Egitto non scioglie il riserbo su alcune delle questioni chiave. Il ministro dell’aviazione ritiene che si sia trattato di un attentato, ma precisa che non ci sono ancora conferme in tal senso.
L’Egitto è impegnato a ribadire che i suoi scali rispettano le procedure di sicurezza, mentre c‘è chi sospetta che un eventuale ordigno potesse essere stato collocato prima del volo d’andata tra Il Cairo e Parigi.

“Le procedure di sicurezza per il trasporto aereo sono applicate a livello internazionale – osserva il ministro Sherif Fathi -. Un aereo è sottoposto a vari livelli di controlli e anche i passeggeri vengono controllati più volte. Negli scali di tutto il mondo, un aereo non viene autorizzato a decollare finché non è pienamente in sicurezza.”

Intanto un comunicato ufficiale fa sapere che il Presidente egiziano ha dato direttive alle autorità e alle forze armate coinvolte nelle ricerche del relitto affinché intensifichino gli sforzi in collaborazione con i paesi amici.

Il corrispondente di euronews al Cairo, Mohammed Shaikhibrahim, sottolinea: “Un altro disastro aereo si è aggiunto alla lista dei recenti incidenti in Egitto e certamente metterà sotto pressione le autorità per le preoccupazioni sulla sicurezza e sulle conseguenze per l’economia. La causa dell’accaduto sarà determinata solo nei possimi giorni.”

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo