ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Tutto quello che (forse) non sapete sul 'Discorso della regina'

Pubblicità

La cerimonia di apertura del Parlamento è un evento che può essere fatto risalire al XVI secolo.

Il protocollo, nella sua forma attuale, è sempre lo stesso dal 1852, quando, nel Palazzo di Westminster, le due Camere sono state ricostruite dopo un incendio.

Il fulcro della cerimonia è il Discorso della regina (o il discorso del re) ai membri della Camera dei Comuni e della Camera dei Lord.

Nel discorso, il monarca in esercizio definisce le priorità legislative del governo per l’anno parlamentare.

La cerimonia riunisce il/la sovrano/a , i deputati eletti alla Camera dei Comuni, i (per lo più) nominati membri della Camera dei Lord, ossia la camera alta del parlamento, così come i membri più anziani della magistratura e del servizio diplomatico.

Tradizioni arcaiche

Certe aspetti, tramandati fino a oggi, fanno semplicemente parte del cerimoniale, non hanno più uno scopo pratico.

Per esempio, il giorno della manifestazione, le cantine del Palazzo di Westminster sono perquisite dalla Guardie del corpo della Regina, la più antica unità militare britannica in attività.

Questa misura di sicurezza è una tradizione dal 1605, dopo il celebre tentativo di far esplodere un ramo del Parlamento compiuto dai cospiratori guidati da Guy Fawkes.

Un altro rito obsoleto, che è ancora mantenuto, è la cosiddetta ‘consegna dell’ostaggio’. La regina ‘sequestra’ il vice-ciambellano della famiglia reale, e lo tiene sotto chiave a Buckingham Palace per tutta la durata della cerimonia.

Il rapimento dovrebbe garantire il ritorno del monarca dal Parlamento, senza inconvenienti.

La pratica è stata introdotta da Carlo I, il cui rapporto turbolento con i deputati si è concluso con la sua decapitazione nel 1649.

il percorso della Regina per raggiungere il Parlamento

La regina fa la strada in carrozza, accompagnato dal principe consorte (il marito della regina è Filippo, il Duca di Edimburgo). Da Buckingham Palace a Westminster, la corona imperiale viaggia su una carrozza a parte, che apre la processione.

Una volta a Westminster, la regina indossa la ‘veste parlamentare’ e la corona imperiale. La regina (o re) entra quindi nella Camera dei Lord, dove pronuncerà il discorso.

Convocazione della Camera dei Comuni

Quando il monarca è pronto, il Black Rod, l’Usciere, va alla Camera bassa, la Camera dei Comuni, per convocare i deputati nella Camera dei Lord.

Mentre si avvicina ai Comuni, la porta gli viene chiusa in faccia. Questo simboleggia l’indipendenza dei Comuni dalla corona. Il Black Rod poi bussa tre volte alla porta con la sua mazza, viene invitato a entrare e dice:

“Signor (o signora) presidente del Parlamento, La regina (o il re) comanda a questa onorevole Camera di andare immediatamente da Sua Maestà nella Camera dei lord.”

I parlamentari entrano dunque nella Camera dei Lord.

Il (non) discorso della Regina

Non è il monarca che lo scrive, infatti, ma il primo ministro, con l’aiuto del suo governo. Tradizionalmente è scritto su una pergamena di pelle di capra, anche se dal 2013 il materiale non è più di origine animale, ma somiglia sempre a una pergamena.

Il rotolo viene consegnato in ginocchio dal Lord Cancelliere, che poi deve camminare all’indietro giù per le scale del trono, per non voltare le spalle al monarca (sarebbe una mancanza di rispetto).

È mai successo che il monarca fosse assente dalla cerimonia?

Sì, è successo. La regina Elisabetta II è stata assente in due occasioni, a causa della gravidanza: nel 1959 mentre aspettava il principe Andrea e nel 1963, mentre aspettava il principe Edoardo. In questo caso la lettura del discorso spetta al Lord Cancelliere.

La regina Vittoria ha perso l’evento diverse volte nel corso del lutto per la morte dell’amatissimo principe consorte Alberto. Negli ultimi 34 anni di un regno duratone 63, ha presenziato la cerimonia soltanto sette volte.


La corona imperiale fatta di oro, argento e platino, ha incastonati 5 rubini, 11 smeraldi, 17 zaffiri, 273 perle e 2868 diamanti.


Il Black rod, o Gentiluomo usciere esiste dal 1350

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo